All posts in Low-budget

Comunicazione come chirurgia plastica

rogliani

Lavorare sul dettaglio.

SignDesign realizza il progetto di comunicazione completo per Rogliani, network che si occupa di chirurgia plastica e medicina estetica. In un tempo in cui ogni spesa viene controllata in maniera maniacale, anche la salute ne riceve effetto, specialmente se è anche per proprio piacere. Proprio per questo Rogliani arriva ad un’agenzia di comunicazione per fare il lifting alla sua comunicazione e raggiungere una visibilità e un approccio più corretto.

Continue Reading →

Start ai 3 eventi Geberit. Così le PR vengono bene.

Di nuovo confermata la strategia SignDesign nel suo format di micro-eventi dedicati al design. Alla proposta di Geberit di affidare l’incarico all’agenzia per l’organizzazione di un solo evento, SignDesign risponde con la realizzazione di 3 eventi altamente strategici che vedono un pubblico ridotto e per questo più coinvolgibile e riconoscibile. Il tutto moltiplicato per 3.

Continue Reading →

Ekinos, successo di vendita grazie alla creatività

La comunicazione è essenziale per vendere.
Presentato al MIDO di Milano, il progetto Ekinos, soluzioni per lenti a contatto, porta Soleko a ricevere già un notevole successo di vendite grazie all’intera comunicazione di SignDesign che ha realizzato tutta la creatività della linea. Inzialmente tutto prodotto in prototipo, oggi industrializzato, il progetto dell’agenzia ha riguardato direzione creativa e intero progetto di comunicazione e marketing per la nuova linea.

Continue Reading →

Maker d’eccellenza made in Italy e comunicazione low-budget

L’ultima “scommessa” di SignDesign è un progetto realizzato per la Bottega Conticelli. Un vero e proprio intervento di comunicazione creativa e strategica per una realtà che si pone come una delle eccellenze dell’artigianato made in Italy; un maker che – in pochi anni di attività – ha raggiunto il pregevole risultato di riferirsi ad un mercato di rara eccellenza. Creazioni realizzate per Rolex, Loro Piana, Pomellato, Riva e altri brand che si rivolgono alla Bottega per creazioni di particolarissimo utilizzo dedicate ad impreziosire ancor di più i prodotti da loro firmati. Bottega Conticelli arriva dunque ad essere una griffe che decide di firmare anche prodotti esclusivi per il proprio brand. Continue Reading →

Nuovo visual e pack per IOL

Continua la direzione creativa che SignDesign dedica ai prodotti Soleko. Nuovo corredo di comunicazione per la divisione IOL dell’azienda, dedicata alle soluzioni chirurgiche. Nuovo packaging, nuovo progetto grafico e layout di comunicazione completo che si declina nei pack, nei cataloghi, nell’advertising, negli strumenti di diffusione.

Il progetto nasce dalla ricerca di un equilibrio tra esigenze di vendita e necessità di immediata riconoscibilità in fase di applicazione. Un connubio quindi tra visual brand e product image che, oltre a colpire per il coordinamento di immagine, si attesta come perfettamente riuscito in termini di usabilità.
La comunicazione in SignDesign è strumento di vendita.

Low-budget. Piace ai clienti

SignDesign ha presentato all’inizio del 2012 la nuova area low-budget. Progetti secondo i consueti standard di elevato profilo in creatività e strategia ma con budget estremamente più contenuti. Dopo 4 mesi l’area ha ricevuto il previsto successo tanto che l’agenzia ha scelto di integrare i servizi della stessa area e si aggiungono ora, oltre i progetti di comunicazione visiva e grafica: Sviluppo progetti online, Social media marketing e soprattutto Consulenza sui piani di comunicazione. Quest’ultima rappresenta il fiore all’occhiello come strumento di consulenza per i clienti che vogliono controllare l’attuazione di un piano marketing orientandosi verso il minor dispendio di energie.
Ogni agenzia è abituata a ricevere il consueto “no-budget” dai possibili clienti, ma nessun cliente è abituato a lavorare con un’agenzia che riesce a sostenere progetti low-budget.

Possiamo dire che in SignDesign ottenere il massimo con il minimo è diventato un piano di business.

Consulting, ora siamo pronti

Mercato cambiato, esigenze cambiate, offerta evoluta. Oggi la comunicazione è uno dei pochi investimenti da valutare. Se comunico, sono un’azienda che esiste. Come valutare il da farsi e come strutturare un piano di comunicazione che faccia capire a pieno e, soprattutto in anticipo, quali mosse operare in ambito della comunicazione? Deciso che il vecchio dire “devo fare tutto” non può più essere percorso, come capire cosa viene prima e cosa non può essere realizzato senza effettuare operazioni basilari. Soprattutto, come capire i costi e dove possono essere ridotti.

Continue Reading →

Il vero lusso è avere poco budget

Non esiste più una crisi, ma un momento nuovo di mercato. Lo diciamo da più di qualche tempo, e chi ci conosce lo sa. La dinamica del mercato ormai è chiara: ti vengono a cercare, chiedono costi per progetti del tipo “mi serve tutto” e poi rispondono con la classica frase «Aspettiamo che passi questo momento». Sono anni ormai che, finito un colloquio come questo, facciamo la spunta sulla voce “non cliente”. Perché? Elementare. Non certo perché potrebbe essere un cliente senza soldi, quello sarebbe un problema successivo, ma piuttosto perché non si può accettare di stare dietro a qualcuno fermo ad aspettare, ferma anche te. E poi, aspettare che passi cosa? La crisi è finita da un sacco di tempo, ma tanto davvero, e chi non ha capito che è il caso di convincersi che stiamo vivendo l’inizio di un nuovo modo di fare mercato, non puoi annoverarlo tra i clienti da avere. Tecnicamente chi è convinto ancora che la crisi passi, si sta dando il colpo di grazia. Lo rispettiamo, ma da lontano.

Continue Reading →

Low-budget e qualità, come si fa

Ma come si fa un progetto di comunicazione con risorse economiche controllate? Intanto stabiliamo come definizione che low-budget non è il costo più basso che si può comunicare ad un cliente, ma le risorse economiche che quel cliente comunica effettivamente all’agenzia. Il fatto che siano basse lo stabilisce un cliente a priori e l’agenzia poi stabilisce quale miglior risultato si può ottenere (ovviamente competenze alla mano). Definiamo anche il budget come qualcosa che davvero si decide prima, e non un numero segreto che conviene tirare fuori solo dopo aver ricevuto un’offerta. Lo fanno in tanti, e, guarda caso, il budget è sempre più basso di almeno un euro rispetto all’offerta. Questa è roba da Banda Bassotti, dilettanti.

Continue Reading →

AU. Parte la nuova area creativa dedicata ai low-budget

Con gli auguri di inizio anno si apre ufficialmente la nuova area strategica dell’agenzia dedicata a progetti e clienti con risorse economiche particolarmente controllate. La gestione SignDesign ha impiegato circa metà del 2011 per affinare le caratteristiche di questa area che, verificando i connotati di un mercato nuovo, sceglie l’azione al posto di una stasi di inutile attesa. Proprio sulle news del sito 2012 l’agenzia aggiornerà ogni propria azione nell’ambito dell’area AU. Dunque un rinnovato au.gurio di buon business a tutti i clienti SignDesign.
Tutti i dettagli della nuova area nella pagina Low-budget.